Libri per bambini, Recensioni libri, Uncategorized

RECENSIONE “I misteri di Ca’ di Sotto” di Elisa Salvaterra

Ciao a tutti,

oggi vi parlo di un libro per bambini a partire dai 10 anni che gentilmente mi è stato omaggiato dall’autrice, Elisa Salvaterra, che ringrazio tantissimo. Sto parlando di “I misteri di Ca’ di Sotto”, edito da La Ruota Edizioni.

i misteri di ca di sotto

Valutazione: stella pienastella pienastella pienastella pienastella vuota

Sinossi

È il mattino del 7 dicembre, giorno di Sant’Ambrogio. Per Tonino Malandruccolo, 10 anni suonati è un giorno pieno di disperazione. Nel suo petto è esploso un dolore grande e non ha neppure il tempo per pensarci su: corre alla stazione, saluta l’amico Leone e via! A bordo del treno che lo poterà a Ca’ di sotto, un paesino sperduto di una sperduta campagna in cui vivono le sue vecchie zie, i due piccoli “diavoli” vicini di casa, il cane Elvis, il gallo Filiberto, il dottor Piripicchio. Ad aspettarlo nella piccola Ca’ di sotto, però, ci sarà anche un mistero da svelare… Età di lettura: da 10 anni

Pagine 106 | Prezzo cartaceo € 10,00| Link per l’acquisto Amazon QUI

Recensione

“I misteri di Ca’ di Sotto” è stata una lettura molto carina. Un libricino originale dalle atmosfere antiche. Una storia assolutamente non banale e divertente.

Partendo dalla trama l’ho trovata ben strutturata e sviluppata per mantenere il giusto grado di mistero per tutto il romanzo. Il protagonista, Tonino, è ben caratterizzato e ben inserito nel contesto e con la giusta introspezione. Risaltano le paure, le gioie, i timori… I personaggi di contorno sono a mio avviso invece poco caratterizzati, risultano come semplici comparse e per alcuni personaggi, come per esempio gli amichetti di Tonino oppure le zie avrei preferito fossero un po’ più dettagliati.

La storia l’ho trovata molto carina e originale. Traspare la vera ingenuità dei bambini e i film mentali che si fanno. Una storia che richiama sentori antichi che mi hanno scaldato il cuore.

Per quanto riguarda la narrazione oserei definirla ricca: ricca di descrizioni e di termini ricercati. Uno stile di scrittura che a me personalmente è piaciuto molto. Il linguaggio scelto infatti utilizza a volte termini piuttosto difficili da comprendere se calcoliamo che è un libro indirizzato a bambini/ragazzi; questo da un lato è positivo perché arricchisce il linguaggio, dall’altro può risultare difficile da leggere. In alcuni punti le descrizioni si dilungano leggermente troppo appesantendo la narrazione ma allo stesso tempo riesce comunque a rimanere scorrevole e fluida.

Tonino Malandruccolo, senza voltarsi indietro, salì sul treno, sparendo dietro un’enorme valigia di tal signor Monteverdi C.

Spero di avervi incuriositi e se lo avete letto fatemi sapere che ne pensate.

A presto!

-Federica-

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...