Recensioni libri, Uncategorized

RECENSIONE “L’estate che cambiò tutto” di Beth Lewis

Ciao a tutti,

oggi vi parlo di un thriller edito La Corte Editore che ringrazio per la gentile collaborazione: “L’estate che cambiò tutto” di Beth Lewis. Traduzione a cura di Federico Ghirardi.

L'estate che cambiò

Valutazione: stella pienastella pienastella mezzastella vuotastella vuota

Sinossi

Tutto iniziò quando trovarono il corpo. Era l’estate torrida del 1971 e da quel momento niente sarebbe stato più lo stesso. John, Jenny, Rudy e Gloria vivono a Larson, una piccola cittadina del Midwest, dove i ragazzi poco più grandi di loro stanno partendo per il Vietnam e dove tutto sembra immobile. Sognano di fuggire lontano aggrappandosi alla loro amicizia, ma un pomeriggio si imbattono nel cadavere di una giovane donna. È chiaro che si tratti di un omicidio ma a nessuno sembra importare. I quattro amici cominciano a indagare e a scavare sempre più in profondità, scoprendo verità che mai avrebbero voluto immaginare. Paranoia e violenza iniziano a prendere il sopravvento. Mentre la madre di John e Jenny sembra perdere sempre più il controllo sotto l’effetto del whisky, il padre di Rudy non lesina atti di vero terrorismo nei confronti del figlio e dei suoi amici che stanno facendo troppe domande. Le estati si susseguono, e insieme al caldo implacabile, una profonda oscurità avvolge Larson e i quattro ragazzi impareranno che, a volte, i segreti è meglio che rimangano sepolti.

Pagine 413 | Prezzo cartaceo € 18,90| Prezzo ebook € 9,99 | Link per l’acquisto Amazon CARTACEO e EBOOK

Recensione

“L’estate che cambiò tutto” è stata una lettura parecchio altalenante. Si parte alla grande con scene angoscianti dai tratti horror, quale miglior inizio per un buon thriller!

Purtroppo, la narrazione, dopo queste prime pagine in cui l’attenzione è ai massimi livelli, prende una piega del tutto diversa. La Lewis inizia a dilungarsi in descrizioni e scene piuttosto tranquille. Per quanto la bravura nelle descrizioni sia indubbia ho trovato che fossero davvero troppe e troppo particolareggiate, il ché a lungo andare crea una sorta di stallo e monotonia nella trama e soprattutto viene meno la suspence, quella che io solitamente cerco in un thriller. Le descrizioni sì ma non troppe ecco.

I personaggi di per sé li ho trovati ben caratterizzati, cosa positiva visto che il romanzo è proprio incentrato sui personaggi, sulla loro vita e sui loro segreti. Devo essere sincera, il protagonista John non è entrato nelle mie simpatie, veramente snervante la sua mania di proteggere in tutto la sorella, aspetto che la Lewis ci tiene a ribadire in ogni scena in cui c’è un po’ di azione.

Il romanzo è strutturato in tre parti, ognuna riferita a tre estati: quella del ’71, del ’72 e infine del ’73. La prima parte, come ho detto è sostenuta dall’inizio davvero ipnotico quindi si legge con piacere, arrivando alla seconda parte a me personalmente è sceso drasticamente l’entusiasmo. Ho fatto piuttosto fatica a procedere nella lettura. La terza parte invece prende un po’ più di brio ma la narrazione troppo lenta non mi ha fatto assaporare appieno nemmeno i colpi di scena.

Purtroppo, rispetto ai miei gusti, è stato un romanzo che non mi ha convinta; non rispecchia la tipologia di thriller dinamico che piace a me. L’idea di base era secondo me molto interessante ma non ho apprezzato particolarmente lo sviluppo. Sicuramente più adatto a chi ama le trame che prendono forma in maniera più lenta, dove il mistero viene svelato pian piano.

Gli schiaffi della mamma potevano bruciare da morire e le sue parole potevano spezzare le ossa, però Occhio-storto era una cosa a parte, un orrore calciato fuori dall’Inferno per cattiva condotta.

Spero di avervi comunque incuriositi e se lo avete letto fatemi sapere cosa ne pensate.

Se vi va di leggere anche l’opinione di Veronica, ragazza con cui ho condiviso la lettura di questo romanzo, potete cliccare QUI

A presto!

-Federica-

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...