Recensioni libri, Uncategorized

RECENSIONE “L’amore viene a cercarti” di Lucia Maria Collerone

Ciao a tutti,

oggi vi parlo di un romanzo autopubblicato che mi è stato gentilmente inviato dall’autrice, che ringrazio: ‘L’amore viene a cercarti’ di Lucia Maria Collerone.

l'amore viene a cercati

Valutazione: stella pienastella pienastella pienastella mezzastella vuota

Sinossi

Gelsomina, detta Minni è la proprietaria dell’azienda agricola di famiglia dove gestisce un agriturismo. Vive con il padre e la famiglia del fattore. Minni è cresciuta con il figlio del fattore che è il suo amico del cuore, quasi un fratello, accudita dalla moglie del fattore dopo la morte della madre avvenuta per complicazioni del parto che le aveva dato vita.
L’ambiente in cui vive Minni è bellissimo, ricco di luoghi incantati dove è possibile fare esperienze uniche e magiche. Lì accoglie i suoi ospiti ai quali organizza coinvolgenti attività che li entusiasmano e li fanno sognare.
Tra gli ospiti arriva Massimo Tomei, uno scrittore famoso, in difficoltà creativa con la segretaria. Max è burbero e scostante, dedito al suo lavoro rimane colpito da Minni e dalla sua effervescenza, dal suo mondo ricco di profumi e sogni.
Tra i due inizia un rapporto amoroso che rende Max sereno e totalmente avvinto a Minni. Quando le cose diventano appassionate Max capisce che non se la sente di continuare un rapporto che richiede una scelta che metterebbe in secondo piano il suo lavoro e lascia l’agriturismo senza nemmeno avvertire Minni.
Nel frattempo il padre di Minni riallaccia i rapporti con un vicino e Minni rincontra Manfredi, il figlio del vicino che lei non sopportava da ragazzini quando si frequentano.
Minni è infelice, perché sente la mancanza di Max, il vuoto che gli ha lasciato la lascia senza fiato, ma Manfredi le fa scoprire un lato della sua personalità che lei non aveva mai visto e tra i due si instaura una relazione sognante e ricca di passione. Quando Max ritorna da lei con una proposta di relazione Minni deve fare una scelta.
Le scene di sesso sono narrate con un tono poetico e mai crudo e si svolgono in circostanze che sembrano quasi trasformare il romanzo in un fantasy.

Pagine 98| Prezzo ebook € 2,99| Link di acquisto Amazon QUI

Recensione

‘L’amore viene a cercarti’ è stata una lettura molto piacevole e inaspettata. Mi è stato presentato come un erotico ma, mio modesto parere, non lo classificherei in tale categoria. Principalmente perché le scene di sesso sono narrate troppo elegantemente, non che sia un difetto, anzi io le preferisco, ma questo fa venir meno l’aspetto erotico. Poi perché sostanzialmente gli incontri hot si limitano a due o tre scene nemmeno troppo dettagliate nei minimi particolari. Io lo classificherei più come un buon romance, pertanto oggi lo valuterò come tale e non come erotico.

L’importante che non lo fai albergare dove tieni il tuo cuore, il corpo dimentica, il cuore no.

Partiamo dalla trama, molto originale e insolita. Si sviluppa in un agriturismo e questo mi è piaciuto davvero tantissimo. Mi è piaciuto il fatto di mettere in primo piano la natura e i suoi frutti, tanto da renderli i veri protagonisti della storia. Si parla di erbe, di fiori, delle loro proprietà e dei loro usi in cucina, tutto questo senza mai annoiare in quanto ben inserito nelle vicende narrate. Le scene nella natura sono davvero belle e suggestive, le descrizioni dei luoghi sono ben dettagliate e creano un’atmosfera quasi magica.

Per quanto riguarda i personaggi abbiamo molto potenziale ma alcuni aspetti potevano essere maggiormente valorizzati. Ho trovato che l’unica figura che spiccasse davvero per caratterizzazione e definizione sia stata Gelsomina. Per quanto riguarda le due figure maschili più importanti, Max e Manfredi ho trovato che fossero entrambi poco delineati. Di Max si sa poco o niente, figura misteriosa, ci sta, ma avrei voluto sapere qualcosa in più del suo passato, magari anche solo accennato per lascare l’aurea misteriosa che gli si vuol conferire. Manfredi invece è il personaggio con più potenziale non sfruttato perché è praticamente solo una comparsa quando invece, con una maggior caratterizzazione e una maggior presenza, avrebbe potuto essere un protagonista coi fiocchi. E magari proprio sfruttando questa figura aumentare il tasso erotico dell’intero romanzo.

La scrittura è fluida e scorrevole, ma non avevo dubbi, conoscendo già l’autrice. La parte finale l’ho trovata un po’ troppo frettolosa, avrei voluto leggere un evolversi più dettagliato. Ne complesso posso dire che è stata una lettura piacevolissima e scorrevole, con un finale più approfondito secondo me sarebbe stato perfetto.

«Lo senti questo odore forte e delicato, molto intenso e persistente. L’odore dei gelsomini. Ogni volta che lo percepivo in questi anni, mi venivi in mente tu e il profumo che emani naturalmente, come se lo avessi intessuto tra la tua pelle».

Spero di avervi incuriositi e se lo avete letto fatemi sapere cosa ne pensate.

A presto.

-Federica-

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...