Recensioni libri, Uncategorized

RECENSIONE “Quelli che meritano di essere uccisi” di Peter Swanson

Ciao a tutti,

oggi ho il piacere di parlarvi di un romanzo che ho letto assieme a Veronica, una mia carissima “collega” bookblogger (il suo blog e il suo profilo Instagram). Si tratta di ‘Quelli che meritano di essere uccisi’ di Peter Swanson edito Einaudi.

quelli che meritano

Valutazione: stella pienastella pienastella pienastella pienastella vuota

Sinossi

Ted Severson ha una vita clorata: è giovane e ricco, proprietario di una società di consulenza plurimilionaria, sposato con una donna capace di fare girare la testa a ogni uomo che incontra. E, soprattutto, è follemente innamorato. Quando però scopre che la moglie lo tradisce secondo il più banale dei cliché, il suo mondo perfetto va in frantumi. L’unica a raccogliere il suo segreto è Lily, eterea sconosciuta seduta accanto a lui su un volo di ritorno dall’Inghilterra. A lei, che custodisce un passato denso di misteri, Ted racconta quello che non osa confessare neppure a sé stesso. È vero che l’omicidio potrebbe non essere la più bruciante delle colpe? È vero che alcuni di noi meritano semplicemente di essere uccisi? A poco a poco, Lily trascina Ted in una spirale alimentata in parti uguali dal desiderio e dalla sete di vendetta, nel cuore di una storia capace di rovesciare tutte le nostre certezze.

Pagine 336 | Prezzo cartaceo € 18,50 | Link per l’acquisto Amazon QUI

Recensione

‘Quelli che meritano di essere uccisi’ è stata una lettura ad alto tasso di tensione. Iniziato è impossibile staccarsene, si ha la necessità di sapere come andrà a finire. La sete di vendetta e di giustizia fai da te la fanno da padrone.

Uccidere somiglia a un prurito che non riesci mai a placare del tutto.

Non è il classico thriller, non aspettatevi niente di convenzionale perché questo romanzo non lo è per niente. Swanson infatti riesce ad angosciare, a incuriosire e infine a stupire il lettore con una narrazione magistrale e unica nel suo genere. Nonostante la narrazione non sia tra le più dinamiche riesce a catturare l’attenzione grazie ai personaggi che sono davvero i protagonisti indiscussi del romanzo. La profonda pazzia mascherata da normalità, la profonda malvagità mascherata da semplice giustizia è qualcosa che mi ha sconvolta. La caratterizzazione dei personaggi è stata compiuta in maniera impeccabile. Lily la protagonista è sicuramente quella più interessante e meglio costruita. Ma anche i personaggi di contorno, Ted, Miranda, Brad, ognuno di loro è stato minuziosamente ben creato per incastrarsi perfettamente nella storia più malata che io abbia mai letto.

Il romanzo è diviso in tre parti a loro volta divise in capitoli in cui si alternano diversi punti di vista di vari personaggi della storia. La prima parte vede nascere il rapporto, strano, malato e fatale tra Lily e Ted. La parte che tra le tre ho preferito. Della seconda e della terza parte non voglio dirvi molto perché ogni parola sarebbe di troppo, sappiate che la prima parte termina con un colpo di scena che mi ha destabilizzata e che ovviamente non mi aspettavo minimamente. Posso solo dire che la seconda parte l’ho trovata particolarmente adrenalinica, mentre la terza rispetto alle altre mi è piaciuta meno: molto più lenta e meno geniale.

Noi non siamo molto diversi da un terremoto. Ne stiamo progettando uno che li spazzerà via entrambi.

I colpi di scena li ho amati alla follia. Swanson in questo è davvero un maestro. Riesce ad inserire un colpo di scena con nonchalance e devastarti. Ti ritrovi a chiederti come diavolo gli sia venuta in mente una cosa simile.

La storia ci viene raccontata alternando presente e passato e anche in questo Swanson si è rivelato all’altezza gestendo l’alternanza in maniera da non confondere mai creando anzi ancora più suspense. Il finale non mi ha convinta al cento per cento. È stato uno di quei finali che non sai bene come interpretare e arrivi a farti la domanda: “e quindi?”. Con i finali c’è da dire che io sono pignola come pochi forse ma questo mi ha lasciata un po’ così, sicuramente inaspettato ma non mi ha appagata appieno.

Ricapitolando ‘Quelli che meritano di essere uccisi’ è un thriller psicologico davvero bello, geniale e inaspettato. Scrittura impeccabile e trama originale hanno creato un romanzo di tutto rispetto. Assolutamente da leggere per gli amanti del genere.

Ricordi quando ti ho parlato delle mie idee sull’omicidio? Ho detto che non lo considero un gesto immorale. E lo penso davvero.  Si fa un gran parlare della sacralità della vita, ma su questo pianeta di vita ce n’è in abbondanza, e quando qualcuno abusa del suo potere, oppure dell’amore degli altri come ha fatto Miranda, be’, quel qualcuno merita di morire.

Spero di avervi incuriositi e se lo avete letto fatemi sapere la vostra.

A presto!

-Federica-

3 pensieri riguardo “RECENSIONE “Quelli che meritano di essere uccisi” di Peter Swanson”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...