Recensioni libri, Uncategorized

RECENSIONE “Pomodori verdi fritti al caffè di Whistle Stop” di Fannie Flagg

Ciao a tutti,

oggi vi parlo di un libro famosissimo: ‘Pomodori verdi fritti al caffè di Whistle Stop’ di Fannie Flagg edito Bur Rizzoli

pomodori verdi fritti

Valutazione: stella pienastella pienastella pienastella pienastella piena

 

Sinossi

“Pomodori verdi fritti al caffè di Whistle Stop” è un piccolo capolavoro che molti lettori hanno scoperto e amato anche grazie all’omonimo fortunato film dei primi anni Novanta. Coniugando uno humour irresistibile alla rievocazione struggente di un mondo che non c’è più, Fannie Flagg racconta la storia del caffè aperto in un’isolata località dell’Alabama dalla singolare coppia formata da Ruth, dolce e riservata, e Idgie, temeraria e intraprendente. Un locale, il loro, che è punto di incontro per i tipi umani più diversi e improbabili: stravaganti sognatori, poetici banditi, vittime della Grande Depressione. La movimentata vicenda che coinvolge Ruth e Idgie, implicate loro malgrado in un omicidio, e la tenacia che dimostrano nello sconfiggere le avversità, donano a chiunque segua le loro avventure la fiducia e la forza necessarie per affrontare le difficoltà dell’esistenza.

Recensione

‘Pomodori verdi fritti al caffè di Whistle Stop’ è stata una lettura bellissima. Ne ho spesso sentito parlare molto bene ma mai mi sarei aspettata di amarlo così tanto. Un libro che mi è entrato nel cuore e che ha preso in esso un posticino speciale.

Ho deciso di acquistare questo romanzo principalmente perché era stato scelto ad un gruppo di lettura a cui partecipo, non so se non fosse stato per questo se lo avrei mai acquistato. Mi ha sempre incuriosita ma allo stesso tempo pensavo non fosse un libro che mi potesse piacere. E invece è stato amore, da subito, dalle prime pagine, con questo suo stile unico che ci sbalza nel tempo tra ricordi, ritagli di giornali e racconti di vecchiaia coprendo un lasso di tempo enorme che va dalla fine anni ’20 a fine anni’80, pur rimanendo sempre scorrevole.

Nonostante questi continui sbalzi temporali non ho mai faticato a seguire gli avvenimenti che la Flagg, con maestria, è riuscita a snocciolare facendoci percepire man mano si va avanti con la lettura il ticchettio del tempo che passa, inesorabile, portandosi dietro la vita con i sui cambiamenti.

Ho amato i personaggi, che seppur numerosi, sono tutti, dal più importante alla comparsa, ben caratterizzati, con un ruolo ben preciso nella storia. Ho amato come la Flagg sia riuscita semplicemente raccontando vicende, a volte divertenti altre più cupe ed emozionanti, a far trasparire messaggi positivi.

“Whisky.”

Gli riempì un bicchiere. “Ehi, come ha fatto a capire qual era l’occhio di vetro?”

Il vecchio bevve il whisky e rispose: “È stato facile. Aveva uno sguardo più umano.”

I temi importanti che vengono trattati sono svariati, tra i tanti mi viene da menzionare il razzismo, l’omosessualità, la violenza, il femminismo, la vecchiaia, insomma tutti temi attualissimi se pensiamo che stiamo parlando di un libro pubblicato nel 1987. Tutti questi aspetti vengono trattati con una delicatezza e un sentimento particolare, infondendo nel lettore una sensazione confortante, come se il mondo potesse, se lo vogliamo davvero, essere migliore. Visione forse utopica, ma che mi ha scaldato il cuore e mi ha coccolata con pensieri positivi e confortanti.

Alcune scelte forse sono state un po’ azzardate e pertanto in diversi punti sicuramente manca di realismo, ma vi dico la verità, a me poco è importato perché ormai mi sentivo parte della famiglia Threadgoode, gioivo e soffrivo con loro e seppur con qualche difetto sentivo questa lettura perfetta. Inevitabile dirvi la malinconia che ho provato nell’ultima parte del romanzo.

Non mi dilungo oltre, penso si sia capito quanto ho amato ‘Pomodori verdi fritti al caffè di Whistle Stop’ e nonostante quei difettucci che qua e là ho trovato non riesco a dare a dare meno delle cinque stelline. Meraviglioso!

Ci sono persone magnifiche su questa terra, che se ne vanno in giro travestite da normali esseri umani. Non scordarlo mai, Stump, hai capito?

Spero di avervi incuriositi e se lo avete letto fatemi sapere cosa ne pensate.

A presto.

-Federica-

 

Link all’acquisto Amazon (€ 8,50 cartaceo) https://amzn.to/2T6QZFT – (€ 5,99 ebook) https://amzn.to/2AVOTRS

2 pensieri riguardo “RECENSIONE “Pomodori verdi fritti al caffè di Whistle Stop” di Fannie Flagg”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...